La Certificazione di un Diamante

Un diamante autentico deve essere sempre accompagnato dalla certificazione di un conosciuto istituto gemmologico, necessario come prova di autenticità.

Il certificato di un diamante non è altro che la carta di identità della pietra, riportandone peso, colore, dimensioni, dettagli del taglio e qualità.

Se iniziamo ad informaci sulla certificazione dei diamanti, veniamo subito a conoscenza del certificato rilasciato dall’Alto Consiglio dei Diamanti, HRD, oppure del certificato dell’Istituto Gemmologico Internazionale (IGI).

Entrambi i tipi di certificato hanno valore in ambito internazionale. Esistono tanti altri tipi di certificazioni, dipende dalle zone geografiche di cui parliamo. In America, per esempio, ci sono i certificati GIA o AGS.

Se vogliamo seriamente investire in diamanti, è importante che la nostra pietra sia certificata dai migliori laboratori al mondo, e si tratta di quelli sopra menzionati. Questi laboratori hanno standards simili e riconosciuti, motivo in più per scegliere queste certificazioni.

Laboratori meno conosciuti potrebbero avere standards molto differenti e rendere difficile l’interpretazione del certificato.

La certificazione di un diamante offre facilità nella valutazione e comparazione con altre pietre. Leggendo i certificati è infatti abbastanza semplice e veloce valutare e confrontare due pietre.

Non comprare mai un diamante senza alcuna certificazione ! Il rischio è di affidarsi poi alla valutazione di una persona magari poco esperta, sicuramente non specializzata in gemmologia.

I principali certificati

I certificati più conosciuti in Italia sono l’HRD (Hoge Raad voor Diamant) ed il certificato IGI (International Gemological Institute). Come sopra accennato, il primo viene rilasciano dall’Alto Consiglio dei Diamanti, con base ad Anversa, Belgio. L’Alto Consiglio dei Diamanti rilascia tre tipi di certificazione; uno che ne prova l’autenticità, uno che ne analizza il colore, analizzandone luminescenza e tipo di colore, ed il rapporto di identificazione HRD.

Anche l’Istituto Gemmologico Internazionale ha sede ad Anversa, ed è per questo che questa splendida città è considerata la capitale mondiale dei diamanti. L’istituto ha altre sedi sparse in tutto il mondo.

Il certificato IGI prova l’autenticità del diamante. Un team di gemmologi ne analizza purezza, colore, taglio, brillantezza, forme e dimensioni. Il laboratorio sigilla i diamanti e non pone limiti di caratura.

Il certificato GIA (Gemological Institute of America) è di stampo Americano. Ha sede a Los Angeles ed è l’inventore del sistema di classificazione internazionale. Il laboratorio si occupa di analizzare la pietra e di marchiare il numero del certificato sulla cintura, ma non effettua il sigillo.